Il seggio vacante

the_casual_vacancy

 Non vado in cerca di guai. Di solito sono i guai che trovano me diceva Harry Potter. A me, invece, verrebbe da dire: non vado in cerca di recensioni problematiche, sono loro a trovare me. Avrei voluto accodarmi ai commentatori che hanno parlato de Il seggio vacante come di un romanzo geniale e ricco di sapienza letteraria. Purtroppo, non sono d’accordo. So di rischiare di venire colpita da un crucio o da un’altra fattura dei fan di J. K. Rowling, ma devo essere onesta con voi.
Continua a leggere

Annunci

Una favola nera: Trilogia della città di K.

trilogia della città di k. agota kristof

Alt. Fermatevi: non lo sapete, ma state per varcare un confine e addentarvi in un campo minato. Da qui si entra nel territorio di K., in un luogo crudele e senza speranza. Se si vuole affrontare la Trilogia della città di K. di Agota Kristof bisogna essere pronti a fare i conti con tematiche sensibili e con una prosa affilata come un bisturi. Qui non c’è posto per i fronzoli, per la delicatezza, ma solo per l’essenziale.
Continua a leggere

San Valentino da lettori: L’uomo difficile

l'uomo difficile hofmmannsthal citazione

Come vuole la migliore tradizione di questo blog, il post di San Valentino riguarda una storia d’amore particolare, non troppo zuccherosa e sdolcinata. Quest’anno ho deciso di parlarvi del dramma L’uomo difficile di Hugo von Hofmannsthal: un’opera teatrale incentrata su equivoci e fraintendimenti. Per raggiungere il lieto fine, gli amanti devono riuscire a leggere tra le righe, a guardare non tanto ai discorsi pronunciati quanto a piccoli gesti  rivelatori.
. Continua a leggere

Da San Pietroburgo a Sanremo: un viaggio letterario

hotel angleterre nico orengo
Hotel Angleterre, Nico Orengo, Einaudi

Perché Sanremo è sempre Sanremo. Non c’è verso di sfuggire al Festival: basta accendere la tv per venire sommersi da commenti su canzoni e presentatori. Il mio entusiasmo per la kermesse, dopo un’adolescenza in cui ho messo a repentaglio le mie ossa per un autografo, è ormai scemato. Quindi, ho deciso di mostrarvi un altro volto della città ligure, al di là delle porte dell’Ariston. Però non mi sarei mai aspettata di dover iniziare il viaggio da San Pietroburgo e dall’Hotel Angleterre. Continua a leggere

I pesci non hanno gambe

i pesci non hanno gambe
I pesci non hanno gambe, Stefánsson, Iperborea

Opinione impopolare: I pesci non hanno gambe è un libro da leggere non tanto per la trama, quanto per lo stile e per le riflessioni che si intrecciano alle fila del racconto. Lo definirei come un dialogo filosofico-esistenziale tra la vita, la natura e gli islandesi. Uno di quei romanzi in cui lo scrittore riesce a catturare sia un sentimento nazionale sia le inquietudini che assillano i singoli, quelle che ti spingono a chiederti chissà se là fuori qualcun altro sta provando queste emozioni?
Continua a leggere

Arabia Felix, non tanto felix

arabia felix thorkild hansen
Arabia Felix, Thorkild Hansen, Iperborea

Ho una lista di titoli che vorrei leggere e che, dopo anni di pura anarchia, sto raccogliendo in un taccuino. Arabia Felix faceva parte di questo elenco. Ho iniziato questo libro portandomi dietro un bagaglio di preconcetti e di impressioni, alcune corrette altre errate. Quello che non mi aspettavo era di rimanere folgorata da un cast di personaggi, degni della migliore tragedia, o, se preferite, serie tv.
Continua a leggere