Il mio miglior amico

-Chi è il tuo miglior amico?-

Il film Il mio miglior amico di Patrice Leconte ruota attorno a questa domanda. Un giorno, lo scontroso critico d’arte François (Daniel Auteuil) viene coinvolto in una scommessa dalla sua socia in affari: la donna sostiene che lui non sia capace di stringere dei rapporti d’amicizia con nessuno e lo sfida a presentarle il suo miglior amico. La posta in palio è uno splendido vaso greco che raffigura due amici per antonomasia: Achille e Patroclo.

François, punto sul vivo, si mette subito alla ricerca del suo “amico ideale”, ma trovarlo si rivela più difficile del previsto: le persone che conosce lo considerano come un semplice collega, mentre i vecchi compagni di scuola lo trovano insopportabile. Il film mette in luce quanto possa essere complicato trovare un vero amico, non solo per un uomo dal carattere difficile come il critico, ma per tutti. La questione viene messa in evidenza sia nella scena iniziale in cui il protagonista partecipa a un funerale a cui non presenzia nessuno, se non i parenti dell’estinto, sia nel momento in cui François si reca a un seminario sull’amicizia.

La soluzione si presenta, inaspettatamente, quando il critico incontra il tassista Bruno (Dany Boom): amichevole e dotato di una smisurata cultura enciclopedica, che ha provato sfruttare per partecipare a dei quiz televisivi, ma senza successo perché durante le selezioni si è sempre fatto prendere dal panico. François, all’inizio, non prova una grande simpatia per Bruno, ma visto che l’arco di tempo che la sua assistente gli ha concesso per portare a termine la sua “ricerca” sta scadendo, decide di fingere che il tassista sia il suo miglior amico, senza aver capito che il tassista lo considera davvero tale. Il critico rischia di giocarsi l’unica possibilità di stringere una vera amicizia ed è costretto a interrogarsi sul significato di questa parola e a studiarla a fondo, ricorrendo anche alla lettura dell’episodio della volpe, narrato nel Piccolo Principe, prima di capire cosa significhi davvero legarsi a qualcuno.

Annunci

4 thoughts on “Il mio miglior amico

    1. Mi sembra un’ottima formula. Per quanto riguarda la verità, ti dico solo che il vaso di Achille e Patroclo gioca un ruolo importante e che la socia del protagonista, diversamente da lui, è molto brava a leggere nell’animo delle persone.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...