Liebster Award

 

Liebster Award

Il Liebster Award è un’opportunità per raccontarsi e per mettersi in luce a vicenda: si risponde alle domande proposte da chi ci ha taggato e si consigliano dei blog da seguire.

Partecipo per la seconda volta, grazie alle nomination di Diario di Rorschach  un sito figo che spazia dal cinema, ai libri, ai fumetti, allo sport e di Batman Crime Solver  il blog che ogni amante del Cavaliere Oscuro dovrebbe seguire e con cui ho già avuto il piacere di collaborare. Ho deciso di rispondere alle domande di quest’ultimo e di copiare, spudoratamente, le regole visto che sono cambiate dall’edizione precedente.

Regole:

Pubblicare il logo del Liebster Award sul proprio blog
Ringraziare il blog che ti ha nominato e seguirlo
Rispondere alle sue 11 domande
Nominare a tua volta altri 11 blogger con meno di 200 followers
Formulare altre 11 domande per i blogger nominati
Informare i blogger della nomination.

Ed ecco le mie risposte alle domande:

1)Perché hai iniziato a scrivere un blog?

Un po’ per gioco, un po’ perché conoscere WordPress era un requisito utile per sostenere un colloquio a cui ero interessata. Da allora, ho sviluppato un rapporto d’amore e d’odio con svariati CMS e mi sono sempre più appassionata ai libri e agli eroi imperfetti che vi presento di volta in volta.
2)Scrivevi un diario quando eri adolescente?

Scrivevo un diario da bambina, poi si è evoluto in disegni e in frasi con cui cercavo di raccontare il meglio e il peggio della settimana, sino a sfociare nella scrittura di brevi racconti e abbozzi di storie.
3)Meglio carta e penna o non puoi più vivere senza computer?

Se devo prendere appunti e organizzarmi uso il caro buon vecchio inchiostro, lasciando sbavature sui foglio visto che sono mancina. Se, invece, devo scrivere per il blog non posso fare a meno del correttore automatico e dalla possibilità di editare più velocemente e comodamente il pezzo.
4)Hai mai avuto un momento di crisi in cui hai pensato di lasciar perdere di scrivere il blog?

No, indipendentemente dai risultati, ho bisogno di scrivere, per me è una valvola di sfogo, un esercizio quasi affine alla meditazione.
5)Quale blog è per te fonte di ispirazione?

Diversi, quando ho aperto il blog pensavo soprattutto al fantastico diario virtuale che la BBC ha creato per John Watson.
6)Qual è il post che ti ha dato più soddisfazione fra quelli che hai scritto?

Direi il post che ho scritto per Batman Crime Solver, in cui ho analizzato la figura di Batman come eroe imperfetto. Anche quello dedicato all’Arte del fallimento mi ha dato soddisfazione: Fazioli lo ha letto :).
7)Ti piace bloggare o utilizzi il blog come semplice strumento di marketing?

Dovrei usarlo anche come strumento di marketing, visto che in questi ultimi anni ho avuto a che fare con il digitale, ma non seguo sempre le regole della SEO e simili. Sinceramente penso che il marketing puro e duro, senza passione, non possa portare lontano: prima di tutto bisogna scrivere qualcosa che ci piaccia e che possa regalare un’emozione a chi ci legge e poi pensare alle regole e alle buone pratiche. Per chi volesse saperne di più sul marketing rimando a Ninja Marketing e se volete consigli su altri siti da seguire fatemelo pure sapere nei commenti ;).
8)Qual è il film che ti ha terrorizzato di più e quella che hai amato di più?

Non non reggo le scene splatter, anche se la tensione mi piace, direi la saga di Saw l’enigmista, che mi sono sempre rifiutata di vedere XD. Uno dei miei film preferiti è Kiss kiss bang bang, per forza, visti i guai in cui si caccia il protagonista.
9)Descrivi il tuo blog con tre aggettivi.

Imperfetto, inusuale, letterario.
10)Dai un consiglio a chi vuole iniziare a scrivere un blog.

Divertiti e sii creativo.
11)Qual è il sogno nel cassetto per il tuo blog?

Ho un romanzo nel cassetto: mi piacerebbe che prima o poi i suoi tre eroi imperfetti facessero capolino tra queste pagine virtuali.

Nomination:

Molti blog che seguo hanno già superato la soglia dei 200 follower, altri con meno non sono attivi ultimamente, non amano i tag o hanno già partecipato. In barba alla tag police, ecco alcuni, non 11, tra i “piccolini”, ma non per questo meno interessanti che mi piace nominare perché sono gestiti da blogger appassionati e capaci di incuriosire i loro lettori. Sentitivi liberi di partecipare o meno, mi piaceva citarvi 😉
Il mestiere di leggere: il titolo è già un programma, vero? Qui trovate recensioni, piccole perle letterarie che stuccheranno anche il palato dei lettori più raffinati.

Di rumore e furia: recensioni letterarie, scritte per testate online interessanti come Thriller Café

Alessandra Scifoni: un blog ricco di fantasia e di suggerimenti nerd.

Secretlifeofapotterhead: per gli appassionati di Harry Potter e non solo

-Viducoli: recensioni e riflessioni letterarie di spessore.

Il blog con vista: una finestra sul mondo dei libri
Ecco le mie domande:
1)Quale libro hai sul comodino in questo momento?
2) Quando scrivi i vostri articoli?
3) Quale eroe e quale cattivo sono i tuoi preferiti?
4) Di quale argomento non hai ancora parlato, ma ti piacerebbe approfondire nel blog?
5) Qual scrittore/scrittrice prediligi?
6) Quale articolo ti ha dato più problemi scrivere?
7) Il tuo libro preferito e quello che hai odiato di più.
8) Il commento più sorprendente che hai ricevuto.
9) Da quanto tempo hai un blog?
10) Cosa è cambiato dai tempi del tuo primo post?
11) Nomi alternativi che hai scartato per il tuo blog.

E adesso scusate, ma è tardi e devo vedere Gomorra 😉

 

Edizione 2015

Ringrazio Geortans per la nomination!

Regole:  1) ringraziare la persona che ci ha nominato

2) rispondere alle dieci domande da loro proposte

3) scrivere dieci nuove domande

4) nominare altri dieci blog, comunicando la nomina con un commento sotto un loro post

Domande e risposte:

1) Qual è il libro che più ha influenzato la tua vita? Amleto perché ha fatto nascere la mia passione per Shakespeare. Mi ha spinta a studiare l’inglese e a decidere che i libri sarebbero sempre stati una parte importante della mia vita. Guarda caso, è stato uno dei dieci testi che non ho potuto fare a meno di portare con me, quando mi sono trasferita per iniziare l’università.

2) Un libro, un film e una canzone che descrivano la tua estate? Anime di vetro di De Giovanni, perché aspetto la fine dell’estate con impazienza, in attesa di un cambiamento; Alice in Wonderland perché non vedo l’ora di imbarcarmi verso nuovi orizzonti; El mismo sol perché non riesco a togliermela dalla testa.

3) Che rapporto hai con i social network e qual è quello che frequenti di più? Mi piace seguire le pagine di case editrici, bloggers e gruppi di lettura. Il mio preferito è Twitter perché trovo stimolante il limite di caratteri utilizzabili e la necessità di sfruttarli in modo creativo.

4) Pubblicheresti mai la recensione di un gioco da tavolo? Se sì, quale? Direi di no. PS. ero una schiappa a monopoli.

5) Cosa ti ha spinto ad aprire un blog? A essere sincera, volevo imparare a usare WordPress, pensavo di pubblicare niente, ma poi mi sono resa conto di aver voglia di condividere le storie dei miei eroi imperfetti preferiti.

6) Se un libro descrivesse la tua vita, come si intitolerebbe? La ragazza che leggeva troppo.

7) Quale evento ti ha spinto ad aprire un blog? Tra le competenze richieste per accedere a uno stage, che mi faceva gola, c’era la conoscenza di WordPress o simili. Se continuate ancora a leggere i miei deliri è perché la mia Musa ( che immagino come una ragazza inaffidabile, una gotica, che mi abbandona nei momenti peggiori) si è appassionata a questo blog.

8) Un libro potrebbe mai spingerti a cambiare completamente idea su qualcosa o qualcuno? Credo che avrei bisogno di più di un libro, mi fido difficilmente di un solo punto di vista.

9) Quale proverbio ritieni vero? Perché? Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca: è meglio accontentarsi e non esagerare con le proprie pretese. La perfezione non è di questo mondo.

10) Se potessi vedere qualunque spettacolo teatrale, quale sarebbe? E chi avrebbe il ruolo di protagonista? Amleto, Benedict Cumberbatch. Devo aggiungere altro? Qualcuno ha i biglietti?

Ecco le mie domande:  

 1) In quale fila sedevate a scuola? O avreste voluto sedervi?

 2) Quale libro porterete in viaggio con voi questa estate?

3) Qual’è il vostro personaggio preferito?

4) Quale luogo letterario (una città, una via o un palazzo in cui si svolge una scena di un romanzo) vorreste visitare?

 5) Qual’è l’articolo che vi ha dato più soddisfazione scrivere?

 6) A quale ora preferite sedervi alla tastiera? In quale momento della giornata vi sentite più ispirati?

7) Se vi è mai capitato di averlo, come avete affrontato il blocco dello scrittore?

8) Quale film o serie televisiva non vi stanchereste mai di rivedere?

9) Con quale personaggio storico vorreste trascorrere una giornata?

10) Come avete scelto il nome del vostro blog?

Nominations: La tag police sarà ormai sulle mie tracce perché anche stavolta non ho intenzione di rispettare la consegna. So che parecchi di voi sono già stati nominati o hanno più di 200 followers. Per questo motivo, nomino chiunque voglia rispondere alle mie dieci domande.

Annunci

3 pensieri riguardo “Liebster Award

  1. Cara Benny, grazie per la bellissima descrizione che hai fatto del mio blog e per avermi nominato. Anche il tuo blog, come vedi dalle visite che ci faccio, mi piace proprio perché è capace di uscire dagli schemi e di stupire. Ho letto le tue risposte e così ti ho potuto conoscere di più; mi trovo completamente d’accordo sulla 9! Non me la sento di proseguire perché – come ho già detto agli altri carinissimi che mi hanno nominata – se lo faccio vorrei farlo bene e temo di non riuscirci. Provo a rispondere a qualche domanda, almeno per darci la possibilità di conoscerci un pochino di più. Vediamo, in ordine sparso:
    ho appena iniziato “Il tramonto birmano” di Inge Sargent, adoro Pavese, per me maestro assoluto, e la Yourcenar, Eco…. e diversi altri… ho aperto il blog da pochissimo, da dicembre perché volevo condividere i miei interessi con chi… li condivide! Mi piacciono tanti libri, tanti personaggi… non riuscirei a fare una classifica…. vorrei parlare di Kent Haruf…. ma l’hanno già letto tutti! devo trovare una mia personale chiave di lettura, qualcosa che ancora nessuno ha detto. Ci riuscirò? Mah…
    mi fermo qui e non saprei chi nominare, come si fa a cercare i blog con meno di 200 followers? c’è un algoritmo ???? Ciaoooooo!

    Liked by 1 persona

    1. Grazie a te, per aver risposto alle domande che ti ispiravano: il bello di questi tag sta proprio nel cercare di conoscersi di più ;). Quanto al tuo blog, secondo me, stai facendo un ottimo lavoro e ti direi di non preoccuparti davanti a libri che tutti sembrano aver già letto: ogni lettore ha il suo sguardo, buttati, e sono sicura che troverai la tua “chiave” :). Ah, per i followers ( lo scrivo giusto in caso ti servisse in futuro o interessasse a qualcuno) si può cliccare su un blog nel lettore: dà lì compare un elenco degli ultimi articoli e del numero. Grazie ancora per il commento e, come sempre, buone letture!

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...