Desideri pericolosi: La zampa di scimmia

Da ragazzina, adoravo un manga delle Clamp intitolato xxxHOLiC: la storia ruotava attorno agli avvenimenti sovrannaturali in cui un ragazzo, a volte per destino a volte per sfortuna, si ritrovava invischiato. Tra i tanti arcani e manufatti con cui l’adolescente si era trovato a fare i conti, me ne era rimasto impresso in mente uno: una apparentemente innocua zampa di scimmia. Immaginate la mia sorpresa quando, mentre scorrevo un elenco di storie gotiche, mi è caduto l’occhio sul titolo di un brevissimo racconto di William Wymark JacobsThe monkey’s Paw.

Sia nel manga che nel testo di Jacobs la zampa è un potente talismano. Nel racconto il misterioso oggetto concede a tre diversi “padroni” la possibilità di esprimere tre desideri ciascuno. Tutti dovrebbero essere entusiasti all’idea di entrarne in possesso. In teoria basterebbe pianificare a tavolino ogni richiesta, analizzandola nei minimi dettagli, per fare la propria fortuna. In realtà, chi ha incantato la zampa non ha mai preso in considerazione l’ipotesi di un lieto fine, anzi:

“It had a spell put on it by an old fakir,” said the sergeant-major, “a very holy man. He wanted to show that fate ruled people’s lives, and that those who interfered with it did so to their sorrow.”

Il primo e il secondo proprietario del feticcio hanno già imparato la lezione, mentre i coniugi White, che hanno appena messo le mani sul talismano, sono piuttosto scettici riguardo al suo reale potere. Peccato che la loro diffidenza non gli impedisca di mettere alla prova la zampa. Devo dirvi come andrà a finire? Credo che possiate immaginarlo da soli. Come direbbe il Tremotino di Once Upon a Time: ogni desiderio ha un prezzo e non è detto che siate disposti a pagarlo.

Questo racconto ricorda sia la favola del pesciolino d’oro, dove chi troppo chiede nulla ottiene, sia il romanzo La pelle di zigrino. Sia la zampa che la pelle sono amuleti potenti, ma entrambi portano con sé una maledizione: la mano di scimmia distorce i sogni in incubi, mentre lo zigrino “succhia via” la vita al suo possessore. La morale delle due storie è la stessa: stai attento a ciò che desideri. Forse è meglio accontentarsi di realizzare solo i progetti che possono essere portati a termine grazie alle proprie abilità, senza trucco e senza inganno.

A rendere così interessante la brevissima storia di Jacobs è la sua capacità di inquietare i lettori, di instillare in loro un senso di angoscia strisciante, che li obbliga a domandarsi: cosa andrà storto? Vorremmo poter mettere in guardia i personaggi, ma sin dalla mossa d’apertura, un’azzardata partita a scacchi, sappiamo già che il loro fato è segnato, perché gli esseri umani sono fatti per essere tentati.

Sul sito American Literature troverete questo e altri racconti gotici (in inglese). La  loro raccolta di Halloween Stories comprende “mostri sacri” come: Il cuore rivelatore di Edgar Allan Poe, Carmilla di Le Fanu e Il re giallo di  Robert W. Chambers. Non c’è bisogno di aspettare il prossimo 31 ottobre per assaporare queste storie dell’orrore.

Per approfondire:

Osservare un testo da una diversa prospettiva. Quando ho letto questa novella, ho dato per scontato che i poteri dell’amuleto fossero reali. Sul sito letterario Sparknotes viene fornita un’altra chiave di lettura: gli avvenimenti sovrannaturali, descritti da Jacobs, potrebbero non essere altro che delle sfortunate coincidenze. Scegliete l’interpretazione che preferite: il fascino del gotico sta anche nella sua ambiguità.

10 pensieri riguardo “Desideri pericolosi: La zampa di scimmia

  1. Ok, letto. È uno spunto classico, ma non troppo abusato, quello dei desideri che si realizzano nel modo peggiore possibile. Con o senza l’infame zampa di scimmia. ^^

    Di solito si punta a trattare il desiderio alla lettera: tipo “vorrei affogare nel denaro” e cose simili, ma la zampa realizza davvero il tuo desiderio… peccato per le coincidenze collegate che ti rovinano la vita 😛

    Son proprio curioso di sapere cosa capita ai poveretti di questa storia…

    Piace a 1 persona

  2. Ho letto anch’io questo racconto qualche mese fa (io su Serial Reader) e mi è piaciuto molto!
    Concordo su quanto dici a proposito dello stile in cui è scritto il racconto: a me è strisciato un certo brividino lungo la schiena… Fino al finale!! Curiosa l’interpretazione che citi, effettivamente ci sta bene!

    Piace a 1 persona

    1. Sono una lettrice onnivora, anche se ultimamente mi sto concentrando più su romanzi e racconti, anche perché due dei miei manga preferiti (Saiyuki e D. Gray Man) si stanno trascinando avanti da anni. Credo che il tema dei “desideri pericolosi” sarà sempre attuale. Buone letture!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.