Bacio feroce: di tigri e di girotondi crudeli

bacio feroce roberto saviano

“Venite a vedere la tigre, sbrigatevi!”
Un ricordo affiora dalle nebbie della memoria, evocato dalla copertina di Bacio Feroce, il nuovo romanzo di Roberto Saviano, il secondo atto de La paranza dei bambini.

Continua a leggere

Annunci

Io leggo perché: Il corvo di Kader Abdolah

io leggo perché il corvo kader abdolah

Come sei arrivato sin qui? Chi ha passato del tempo con te e chi ti ha lasciato su questo scaffale? Non avrei mai pensato di ritrovare nella biblioteca della mia città Il corvo di Kader Abdolah, uno dei volumi protagonisti dell’iniziativa #IoLeggoPerché. Quando, nel 2015, i volontari hanno distribuito dei libri ai non lettori, per invogliarli a scoprire il piacere di leggere, ero terribilmente invidiosa: anche io avrei voluto che uno sconosciuto mi regalasse un romanzo e che me lo presentasse come se fosse un amico a cui affezionarmi.
Continua a leggere

Belgravia: segreti e scandali nella Londra del 1840

Belgravia Julian Fellowes

Sono seduta con una tazza di tè in mano, in uno dei salotti chic del quartiere di Belgravia. Siamo solo all’inizio del lungo regno della regina Vittoria, quindi non c’è nessuna Irene Adler in grado di dare una svolta piccante a questo convito. Sono intrappolata qui ad ascoltare tre gentildonne che tessono le lodi del giovane Charles, l’uomo più perfetto sulla faccia della terra. Sto iniziando ad annoiarmi a morte e a provare un vago istinto omicida. Come sono finita in questa situazione? La colpa è di un venditore ambulante di libri.
Continua a leggere

Io sono il Libanese: preludio a un romanzo criminale

io sono il libanese de cataldo

“Stavo col Libanese / Quando sotto casa gli hanno sparato / Ma quanta violenza …” : lo ammetto, mi è capitato di canticchiare più di una volta Pamplona, uno dei tormentoni di quest’estate, e no, non avevo la più pallida idea di chi fosse ‘sto Libanese. Dopo aver letto il romanzo in cui Giancarlo De Cataldo racconta la sua giovinezza, ho le idee più chiare.
Continua a leggere

Palazzo Yacoubian: le anime inquiete del Cairo

Palazzo Yacoubian Il Cairo

Sfogliando alcuni libri ci si imbatte in una cartina della città, reale o immaginaria, in cui si svolgeranno le vicende, o nell’albero genealogico dei protagonisti. All’inizio di Palazzo Yacoubian, ci aspetteremmo di trovare un’immagine dello stabile, aperto come una casa di bambola, a mostrare gli appartamenti e i nomi dei personaggi che lo abitano. Dagli sgabuzzini sul tetto, rifugio dei più poveri, sino a piani nobiliari, in un traffico di anime inquiete.
Continua a leggere

Pamuk e la sua Istanbul: La stranezza che ho nella testa

la stranezza che ho nella testa orhan pamuk copertina

Ogni strada percorsa è un filo di un arazzo in continua evoluzione, che si espande e cambia disegno di anno in anno: la città non mostra mai lo stesso volto. A ogni passo, pensieri e emozioni si sovrappongono alla topografia che diventa un tutt’uno con un’altra mappa più intima, sentimentale, ma non per questo meno reale. Mevlut Karataş, il protagonista del romanzo La stranezza che ho nella testa, ama percorrere a piedi la sua Istanbul, lo specchio in cui si riflettono le sue idee e i suoi turbamenti, l’ altro universo che occupa la sua mente:
Continua a leggere