I figli della mezzanotte

i figli della mezzanotte rushdie

Lo ripeto per l’ultima volta: se volete capirmi, dovrete inghiottire un mondo. Questo è il monito che Saleem, il narratore-protagonista de I figli della mezzanotte rivolge ai suoi ascoltatori. Un’esortazione che racchiude in sé una sfida apparentemente impossibile. Come può un lettore digerire un albero genealogico, assimilare una moltitudine di personaggi e assorbire il passato di una nazione?
Continua a leggere

Annunci

India da leggere: Il ministero della suprema felicità

il ministero della suprema felicità

Quando penso all’India mi vengono subito in mente immagini da cartolina: sari colorati, spezie, templi raffinati. Arundhati Roy, ne Il ministero della suprema felicità, manda in frantumi queste illusioni, per sostituirle con un complicato affresco in cui il nero delle peggiori pagine di cronaca, incontra le sfumature cangianti del realismo magico.
Continua a leggere