San Valentino da lettori: L’uomo difficile

l'uomo difficile hofmmannsthal citazione

Come vuole la migliore tradizione di questo blog, il post di San Valentino riguarda una storia d’amore particolare, non troppo zuccherosa e sdolcinata. Quest’anno ho deciso di parlarvi del dramma L’uomo difficile di Hugo von Hofmannsthal: un’opera teatrale incentrata su equivoci e fraintendimenti. Per raggiungere il lieto fine, gli amanti devono riuscire a leggere tra le righe, a guardare non tanto ai discorsi pronunciati quanto a piccoli gesti  rivelatori.
Continua a leggere

Annunci

La diva Julia

la diva julia maugham libro

La volta scorsa, vi ho parlato di aspettative, di come, a volte, leggere un libro che si era desiderato a lungo o puntare su un autore che riteniamo infallibile possa portare a cocenti delusioni. Stavolta, invece, sono partita dal presupposto opposto: La diva Julia di W. Somerset Maugham mi è stato sconsigliato.
Continua a leggere

Il mondo è un teatro

il mondo è un teatro

Il mondo è un teatro. Il sottotitolo chiarisce meglio le intenzioni dell’autore: raccontare la vita e l’epoca di William Shakespeare. Viene subito da domandarsi come un simile argomento possa essere racchiuso in poco più di duecento pagine. Bill Bryson ce lo spiega subito, regalandoci una doccia fredda: non sappiamo quasi nulla del Bardo.

È proprio perché abbiamo conservato così tante opere di Shakespeare che possiamo capire quanto poco sappiamo di lui come individuo. Se avessimo soltanto le sue commedie, lo vedremmo come uno spirito allegro. Se disponessimo soltanto dei sonetti, sarebbe un uomo dalle passioni oscure. Da una scelta di altri suoi lavori lo potremmo variamente connotare come raffinato, cerebrale, metafisico, malinconico, machiavellico, nevrotico, frivolo, sentimentale e molto altro ancora.

Continua a leggere

Morte di un commesso viaggiatore

Morte di un commesso viaggiatore

La fine del sogno americano: un’utopia che, oggi, sembra essere esistita solo nella mente dei più fantasiosi ottimisti. In Morte di un commesso viaggiatore, di Arthur Miller, un uomo sconfitto deve fare i conti con la sua esistenza e le sue illusioni. La casa del protagonista, Willy Loman, diventa memoria, un cervello in cui frammenti del passato e del presente si inseguono, in un crescendo di angoscia.
Continua a leggere

Mandragola

Venerdì sera sono andata a teatro, sempre ammesso che l’auditorium della mia città si possa definire tale. In realtà, abbiamo un vero e proprio teatro, ma non è più agibile. Le premesse non erano delle più incoraggianti: al posto del palcoscenico c’era un minuscolo palco con una grande scrivania e alcune sedie girevoli, più adatto per una conferenza che per una rappresentazione; mi sono accorta che parecchi dei miei vicini di posto non avevano la più pallida idea dell’argomento della commedia. Non sto scherzando:  delle persone cercavano su Wikipedia un riassunto della Mandragola, mentre altre, più organizzate, dopo averlo stampato a casa, lo distribuivano agli amici.
Continua a leggere

Selfie, foto e filmati: la nuova Elsinore

C’è qualcosa di marcio nello Stato di Danimarca: Rosencratz sta fotografando Amleto e filmando dei video da inviare a Claudio. Probabilmente, posterà sulla sua pagina Facebook immagini del principe corredate da commenti come “Amleto sclera, LOL.” Oppure, cercherà di analizzare la follia del nipote del re in 140 caratteri.
Continua a leggere